Recensioni:

venerdì 16 febbraio 2018

Saghe che ho terminato nella mia vita - Parte 3

Ciao a tutti, lettori! Mentre ascolto il mio amato Ed Sheeran e faccio una pausa dallo studio matto e disperatissimo, torno a parlarvi di altre saghe che ho letto nella mia vita. Siamo al terzo appuntamento, quindi vi lascio qui e qui i primi due appuntamenti.


15. FIRELIGHT di Sophie Jordan
 

Discendiamo dai draghi. Siamo dei mutaforma che hanno sviluppato la capacità di apparire umani per sfuggire ai Cacciatori. Viviamo nascosti nelle foreste remote, volando solo di notte, dispiegando le ali quando nessuno può vederci. Siamo Draki. Io mi chiamo Jacinda e sono il tesoro del mio branco, l’unica capace di soffiare ancora fuoco. Ma dopo aver infranto per l’ennesima volta le regole che proteggono la vita della nostra comunità, sono stata costretta a fuggire insieme a mia madre e mia sorella. Ci siamo sepolte vive in un’anonima cittadina, dove sono costretta a mantenere l’aspetto umano con il rischio di dimenticare la mia vera natura. Finché non mi sono ritrovata nella stessa scuola del mio Cacciatore. È possibile una simile coincidenza? Oppure questo bellissimo e pericoloso ragazzo non è quello che la sua famiglia vorrebbe far credere?

Questa è una trilogia che mi ha sorpresa moltissimo. L'ho letta aspettandomi che non mi piacesse, che si rivelasse una lettura leggera e nulla di più. E invece, sì, è una trilogia urban fantasy young adult, ma la scrittura dell'autrice ha qualcosa di magico. E' in grado di catturarti e di coinvolgerti emotivamente: ricordo che soffrivo insieme alla protagonista, avevo il suo stesso desiderio di libertà e le sue stesse paure.

16. PERCY JACKSON E GLI DEI DELL'OLIMPO di Rick Riordan


Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia greca e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York, più vivi e litigiosi di prima. Tanto che l'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus, e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza di Poseidone, dio del mare e padre perduto, che l'ha generato con una donna mortale facendo di lui un semidio. Nuove gesta e antichi nemici lo aspettano, e non saranno solo lo sguardo di Medusa e i capricci degli dei ad ostacolare la ricerca della preziosa refurtiva, ma le parole dell'Oracolo e il suo oscuro verdetto: un amico tradirà, e il suo gesto potrebbe essere fatale..

Questa è una delle saghe middle-grade più belle in circolazione. E' divertente, avventurosa, e Percy è un personaggio in cui chiunque riesce a rispecchiarsi.

17. GLI EROI DELL'OLIMPO di Rick Riordan


Jason si risveglia in uno scuolabus, accanto al suo migliore amico e a una bellissima ragazza. Ed è terrorizzato. C'è infatti un piccolo problema: non ricorda assolutamente nulla di sé. E quando una torma di spiriti della tempesta cerca di ucciderlo, qualcosa gli suggerisce che dovrà al più presto venire a capo del mistero. Piper non si spiega perché il suo ragazzo non si ricordi di lei. Da qualche giorno il mondo sembra impazzito: suo padre si è volatilizzato, incubi ricorrenti la tormentano e una ragazza di nome Annabeth dice di essere in cerca di un tale Percy Jackson, scomparso dal Campo Mezzosangue... Leo ha sempre avuto un'attrazione per il fuoco, e quando arriva al Campo si sente stranamente a casa. Sarà quello il motivo per cui tutti gli dicono che una parte di lui discende dagli dei? Nel frattempo Era è stata rapita dai giganti, che minacciano di ucciderla. C'è solo un modo per salvarla, e solo tre semidei discendenti da antiche divinità Romane potranno affrontare l'impresa... 

Saga che fa da sequel a quella di cui vi ho parlato sopra, non è altrettanto bella ma il terzo e il quarto libro mi sono piaciuti davvero un sacco; e poi, ci sono Leo e Calipso, una delle mie coppie preferite.

18. DIVERGENT di Veronica Roth


La società distopica in cui vive Beatrice Prior è suddivisa in cinque fazioni, ognuna delle quali è consacrata a una virtù: sincerità, altruismo, coraggio, concordia e sapienza. Il momento cruciale nella vita dei cittadini è il Giorno della scelta, che cade allo scoccare del sedicesimo compleanno: ogni giovane sceglie a quale fazione votare il proprio futuro. Ora tocca a Beatrice, e la sua scelta non solo sorprenderà tutti, ma segnerà per sempre il suo destino, catapultandola in un mondo duro e violento e facendole scoprire le crepe di una società che è tutto tranne che perfetta. Una società che la vorrebbe morta se scoprisse il suo segreto. Perché Beatrice non è una ragazza qualunque, lei è una divergent. Una diversa.

Il primo libro di questa trilogia mi era piaciuto davvero un sacco, poi però gli altri sono andati peggiorando sempre di più. So che a molti è piaciuta, ma io personalmente non ve la consiglio perché penso ci siano saghe migliori.

19. LUX di Jennifer L. Armentrout


Kathy è una blogger diciassettenne con un grande sense of humour, si è appena trasferita in un paesino soporifero del West Virginia, rassegnandosi a una noiosa vita di provincia, noiosa finché non incrocia gli occhi verdissimi e il fisico da urlo del suo giovane vicino di casa. Daemon Black è la quintessenza della perfezione. Poi quell'incredibile visione apre bocca: arrogante, insopportabile, testardo e antipatico. Fra i due è odio a prima vista. Ma mentre subiscono un'inspiegabile aggressione, Daemon difende Kathy bloccando il tempo con un flusso sprigionato dalle sue mani. Sì, il ragazzo della porta accanto è un alieno. Un alieno bellissimo invischiato in una faida galattica, e ora anche Kathy, senza volerlo, c'è dentro fino al collo. Salvandola, l'ha marchiata con un'aura di energia riconoscibile dai nemici che li hanno aggrediti per rubare i poteri di Daemon. L'unico modo per attenuare questo pericoloso marchio è che Kathy stia più vicina possibile a Daemon. Sempre che lei non lo uccida prima...

Questa è stata l'unica saga che ho letto di Jennifer L Armentrout ma non mi è piaciuta molto, onestamente; l'ho trovata una lettura leggera, sì, ma troppo simile a Twilight (soprattutto Obsidian). Voi cosa ne pensate? Mi consigliate altro dell'autrice anche se questa saga non mi è piaciuta?

20. TWILIGHT di Stephanie Meyer


Bella si è appena trasferita a Forks, la città più piovosa d'America. E' il primo giorno nella nuova scuola e, quando incontra Edward Cullen, la sua vita prende una piega inaspettata e pericolosa. Con la pelle diafana, i capelli di bronzo, i denti luccicanti, gli occhi color oro, Edward è algido e impenetrabile, talmente bello da sembrare irreale. Tra i due nasce un'amicizia dapprima sospettosa, poi più intima, che presto si trasforma in un'attrazione travolgente. Finora Edward è riuscito a tener nascosto il suo segreto, ma Bella è intenzionata a svelarlo. Quello che ancora non sa è che più gli si avvicina e maggiori sono i rischi per lei e per chi le sta accanto... Mentre nella vicina riserva indiana riprendono a circolare inquietanti leggende, un dubbio si fa strada nella mente di Bella. Il sogno romantico che sta vivendo potrebbe essere in realtà l'incubo che popola le sue notti.

Parli del diavolo....
Sì, anche io ho avuto il mio periodo Twilight, in prima liceo, circa, e non me ne vergogno. Ora la mia opinione in merito a questa saga è decisamente cambiata - perlopiù per il messaggio sessista di base - ma all'alba dei miei quattordici anni ero perdutamente innamorata di Edward Cullen. Peccato per Bella, che ho sempre trovato irritante.

21. UNO SPLENDIDO DISASTRO di Jamie McGuire


Camicetta immacolata, coda di cavallo, gonna al ginocchio. Abby Abernathy sembra la classica ragazza perbene, timida e studiosa. Ma in realtà Abby è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University insieme alla sua migliore amica per il primo anno di università, ha tutta l'intenzione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo.
Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una ragazza diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio.
C'è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato per eccellenza.
Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano quelli profondi di lui e sente uno strano nodo allo stomaco: Travis rappresenta tutto ciò da cui ha solennemente giurato di stare lontana. Eppure Abby è assolutamente determinata a non farsi affascinare. Lei no, non ci cadrà come tutte, lei sa quello che deve fare, quel ragazzo porta solo guai. Ma quando, a causa di una scommessa fatta per gioco, i due si ritrovano a dover condividere lo stesso tetto per trenta giorni, Travis dimostra un'inaspettata mistura di dolcezza e passionalità. Solo lui è in grado di leggere fino in fondo all'anima tormentata di Abby e capire cosa si nasconde dietro i suoi silenzi e le sue improvvise malinconie. Solo lui è in grado di dare una casa al cuore sempre in fuga della ragazza. Ma Abby ha troppa paura di affidargli la chiave per il suo ultimo e più profondo segreto...

Quando dico che ho letto questa saga, intendo che ho letto solo la trilogia originaria, quella di Travis ed Abby; dopodiché, non ho letto i continui spin-off sui vari fratelli e amici.
Ho letto questa trilogia solo perché una mia amica la amava e voleva qualcuno con cui parlarne, ma sapete già che il romance non è il mio genere preferito; e, comunque, anche se lo fosse, ho letto romance decisamente migliori. 
Comunque sia, pareri personali a parte, resto del parere che sarebbe stata molto più carina se anziché una trilogia si fosse trattato di un libro singolo, senza i vari punti di vista.



Un altro appuntamento di questa rubrica giunge al termine. Avete letto qualcuna di queste saghe? Cosa ne pensate? Fatemelo sapere nei commenti!
A presto,
Yashila.

Nessun commento:

Potrebbe interessarti anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...