Recensioni:

venerdì 6 aprile 2018

Una serie di sfortunati eventi - Seconda stagione

Ciao a tutti, lettori! Oggi vi parlo - per la prima volta dopo secoli di serie TV. Non tratto troppo spesso questo argomento sul blog per due motivi principali:
1. Spesso guardo serie che il resto del mondo ha concluso anni fa;
2. Non ne guardo moltissime e di solito faccio maratone durante vacanze o ponti perché quando sono all'università faccio fatica a conciliare il tutto.
Tuttavia, recentemente ci sono state le vacanze di Pasqua, e io ne ho approfittato per vedere la seconda stagione di una delle mie serie preferite, ovvero Una serie di sfortunati eventi, che aspettavo da molto tempo. Se mi seguite da un po' sapete che ho letto anche tutti i libri della saga (di cui trovate la recensione unica qui) e che li ho amati profondamente. L'ascensore ansiogeno e Il vile villaggio sono due dei miei volumi preferiti, sicché non vedevo davvero l'ora di vedere cosa ne avrebbero fatto nella serie. E, piccola anticipazione: hanno fatto qualcosa di bellissimo.


Già la prima stagione mi era piaciuta tantissimo, ma purtroppo aveva dovuto subire l'inevitabile confronto con il film antecedente, ovvero quello che aveva un cast composto da geni come Jim Carrey e Meryl Streep. Qui invece abbiamo delle vicende tutte nuove - per chi non ha letto i libri, s'intende - e sono state gestite magistralmente.
I personaggi sono stati incarnati in maniera sorprendente. A partire da Carmelita (foto qui sopra) che è esattamente come la immaginavo, con i suoi sniffacroste e il suo essere la favorita degli insegnanti. Un altro personaggio che ho amato è stato quello di Esmé Squalor, anch'essa interpretata in maniera meravigliosa, a partire dai suoi outfit assolutamente in.


Neil Patrick Harris nei panni del Conte Olaf si riconferma una scelta vincente. I suoi cambi di look e il suo falsificare l'accento sono stati, ancora una volta fantastici. Di questo non posterò immagini, perché penso che sarebbero uno spoiler, ma vi consiglio di vedere la serie per confermare le mie parole.
In questa seconda stagione le vicende di Violet, Klaus e Sunny diventano sempre più cupe e vagamente inquietanti, e ancora una volta la capacità dei bambini di risolvere le situazioni meglio di qualsiasi altro adulto viene sottolineata. Vengono introdotti vari misteri e compaiono personaggi personaggi che non sappiamo quanto saranno importanti fin proprio alla fine.
Le atmosfere così cupe vengono oltremodo sottolineate dalle scenografie spettacolari che ci sono in questa serie, addirittura più belle di quelle della prima stagione:






Penso che sia una serie che tutti dovrebbero vedere. Innanzitutto per l'originalità - vi sfido a trovare una serie strana quanto questa - e poi per i messaggi che ci sono dietro: critiche a molti aspetti della società, messaggi di coraggio, modelli da imitare e comportamenti da condannare. 
E voi seguite questa serie? Avete letto i libri? Fatemelo sapere nei commenti, sono curiosa di sapere se sono l'unica ad amarla così tanto.
A presto,
Yashila.

Nessun commento:

Potrebbe interessarti anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...